post

La festa in onore di Sant’Antonio a Marina di Ginosa

Sant’Antonio , Dottore della Chiesa (Lisbona 15 agosto 1195- Padova 13 giugno 1231),è uno dei Santi più venerati del mondo cristiano, il più festeggiato in Italia, soprattutto nel Mezzogiorno,in particolare a Marina di Ginosa.
Infatti,sin dai suo albori, il Santo beneficia di una devozione speciale che i Marinesi esprimono ogni anno nei festeggiamenti a Lui dedicati.
Fu il Cavaliere Lepore ,uno dei promotori di questa devozione, ad adoperarsi per la prima immagine Sacra in cartapesta realizzata negli anni 20 nel laboratorio del Maestro Carmelo Bruno.
In quegli anni la festa era essenzialmente religiosa ed era costituita dalla preghiera della Tredicina, da Celebrazioni Eucaristiche in onore del Santo e dalla processione con l’immagine di Sant’Antonio per le polverose strade della nascente borgata.
Al termine del secondo conflitto mondiale, la festa si  arricchì di altri aspetti come le luminarie,bande, fuochi d’artificio e bancarelle.
Anche la devozione e la partecipazione ebbero un sostanziale incremento, grazie alle numerose famiglie provenienti dalla provincia di Lecce (dove diffusissima è la devozione al Santo di Padova) l per la coltivazione del tabacco.
Nel 1962 l’antica statua di Sant’Antonio venne trasferita presso la masseria villaggio “Orsanese”, all’epoca di proprietà della famiglia Dell’Osso ,dove sotto la guida dell’onnipresente parroco Don Gennaro Inglese, si continuò la tradizione dei festeggiamenti a Sant’Antonio.
Intanto per la parrocchia marinese fu fatta arrivare da Ortisei la nuova statua lignea del Santo di Padova,su interessamento del signor Baldassare Dragone.
La festa cresceva di anno in anno e, per coinvolgere quanti venivano a trascorrere la stagione estiva a Marina di Ginosa , i festeggiamenti esterni,per diversi decenni, furono spostati al primo weekend di Luglio.
Alla fine degli anni Novanta il comitato preposto all’organizzazione dei festeggiamenti deliberò di affiancare alla processione del Quadro anche una cavalcata per accompagnare il Simulacro del Santo.
Il 13 giugno dell’Anno Santo 2000 fu benedetto il nuovo carro trionfale realizzato da alcuni membri del comitato della festa,artisticamente decorato dal Maestro Damiano Bitetti e donato dal Cavaliere Mimino Limitone.
Il 2000 fu anche l’anno dell’arrivo delle reliquie a Marina di Ginosa portate direttamente da Padova dai frati francescani e accolte dalla comunità marinese con un corteo di auto e moto all’uopo organizzato.
A seguito della cessione della masseria “Orsanese”nel 2002 iniziò il recupero e il restauro dell’antica statua di Sant’Antonio ad opera del Maestro cartapestaio Rocco Zappatore di Palmariggi (Lecce).
Il padrino e madrina dell’iniziativa furono il signor Mimino Limitone e la professoressa Maria Carmela Bonelli ,cavaliere e dama del Santo Sepolcro di Gerusalemme.
Inoltre in quegli anni si ripristinò la processione con l’antica statua restaurata a seguito della solenne Celebrazione Eucaristica in onore del Santo ,la benezione e distribuzione del pane.

A quest’ultima tradizione,il nuovo parroco Don Renzo Di Fonzo ha affiancato la benedizione dei bambini in programma il 13 giugno subito dopo la Santa Messa mattutina.
La festa degli ultimi anni è più ridotta per quanto concerne la parte civile,con un interesse maggiormente concentrati agli aspetti e contenuti religiosi.

Il programma religioso-civile 

Martedì 13 giugno 2017

8:30 celebrazione eucaristica
10:30 celebrazione eucaristica – al termine la benedizioni dei bambini
18:30 Preghiera del Santo Rosario
19:00 Celebrazione eucaristica presieduta da S.E.R Mons.Claudio Maniago – Vescovo di Castellaneta

Sabato 17 giugno 2017

18:30 -Preghiera del Santo Rosario
19:00-Celebrazione eucaristica
20.00 Processione con la venerata immagine di Sant’Antonio

Concerto bandistico di Città di San Marzano di San Giuseppe si svolgerà sabato 17 giugno

Lo spettacolo musicale “Negra-Maris” si svolgerà domenica 18 giugno alle 21:30 piazza San Pio.

 

Il contributo testuale e fotografico è di Antonello Lovecchio  

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.