La Gravina di Ginosa

  • È d’un popolo la culla

la Gravina di Ginosa,

uno scrigno di cultura,

luogo sacro di memorie.

Un paese ivi sorse

incavato nella pietra:

nelle grotte naturali

visse l’uomo primitivo.

A indigeni tenaci

si congiunsero migranti

quella fossa sinuosa

fu dimora popolosa.

E la storia ci racconta

di trapassi epocali:

una razza primordiale

civil popolo divenne.

Crebbe tale per l’avvento

dell’ellenico fermento,

della greca esperienza,

di romana efficienza.

Da pagani a cristiani

fu passaggio decisivo:

furon grotte in Gravina

pur le chiese bizantine.

Quella fossa fascinosa

è prestigio sorprendente,

non discarica immonda,

cupo segno di degrado.

Il passato la esalta,

il presente la ignora:

il destino che l’attende

è riscatto o rovina.

Dal Terzo volume – Canti della Speranza del prof. Pietro Tamburrano




LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.