IMG_5976

POESIA: La Gravina di Ginosa

La Gravina di Ginosa

è d’un popolo la culla,

uno scrigno di cultura,

luogo sacro di memorie.

Un paese ivi sorse,

incavato nella pietra:

nelle grotte naturali

visse l’uomo primitivo.



A indigeni tenaci

si congiunsero migranti:

quella fossa sinuosa

fu dimora poderosa.

E la storia ci racconta

di trapassi epocali:

una razza primordiale

civil popolo divenne.



Crebbe tale con l’avvento

dell’ellenico fermento,

della greca esperienza,

di romana efficienza.

Da pagani e cristiani

fu passaggio decisivo:

furon grotte in Gravina

pur le chiese bizantine.

Quella fossa fascinosa

è prestigio sorprendente,

non discarica immonda,

cupo segno di degrado.

Il passato la esalta,

il presente la ignora:

il destino che v’incombe

è riscatto o rovina.

Pietro Tamburrano

 



Per la tua pubblicità compila il form di richiesta


Inserisci un indirizzo email valido

Scegli una data per fissare un appuntamento


LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.